Caricamento...

Dott. Danilo Centrella | Specialista in Urologia e Andrologia

Patologie

Epididimite

 

L'epididimite è un'infiammazione dell'epididimo, la parte del testicolo che prosegue con  vasi deferenti e attraverso cui lo sperma, durante l'eiaculazione, arriva all'interno dell'uretra.

 

Che cos’è l’epididimite?

 

L'infiammazione dell’epididimo è più frequente nel soggetto giovane,  con  rapporti sessuali non protetti con più partner. L’infezione deve essere trattata precocemente per ridurre la probabilità che si trasformi in una malattia cronica.

 

Perchè si forma ?

 

L'epididimite è determinata dal passaggio di batteri dall'uretra e dalla prostata  sino ll’epididimo. Nel giovane sessualmente attivo la malattia è frequentemente dovula a infezioni da gonorrea e la clamidia, mentre nei bambini e negli anziani sono più comuni i casi associati a Escherichia coli.

 

Quali sono i sintomi dell’epididimite?

L'epididimite si manifesta con aumento dimensionale dello scroto con dolore alla palpazione del testicolo e calore locale. Puo’ essere presente  febbre bassa, brividi e una sensazione di pesantezza a livello dei testicoli, dolore durante l'eiaculazione, bruciore durante la minzione.

 

Come si cura  l’epididimite?

 

Il trattamento dell'epididimite consiste nel rimanere a letto, nel sollevamento dello scroto  per diminuire ripetuti e piccoli traumi, negli impacchi scrotali con ghiaccio, nell'uso di analgesici, antinfiammatori e antibiotici orali a largo spettro, come la ciprofloxacina 500 mg per via orale 2 volte/die o la levofloxacina 500 mg 1 volta/die per 21-30 giorni